Centro sub pozzuoli View MAP

Centro sub pozzuoli address

Via miliscola, 191, 80078 Pozzuoli, Italy

Centro sub pozzuoli - Photo Gallery



Dive packages

Dive packages price list

 
High season
1-5 to 31-10
Book now
and save 10%
Mid season
1-3 to 30-4
Book now
and save 19%
Low season
1-11 to 24-12
1-2 to 28-2
Book now
and save 28%
Book now and
save up to 28%
1 Dive + boat + guide (half day dive)

Full dive eqipment

Tank and weights only

Snorkel only (mask + fins)

61USD54USD

from 44USD

39USD35USD

from 28USD

28USD25USD

from 20USD

49USD

31USD

22USD

44USD

28USD

20USD

2 Dives + boat + guide + box lunch and soft drink (2 dives per day)

Full dive eqipment

Tank and weights only

Snorkel only (mask + fins)

99USD89USD

from 71USD

77USD69USD

from 55USD

39USD35USD

from 28USD

80USD

62USD

31USD

71USD

55USD

28USD

10 Dives + boat + guide (2 dives per day); Pozzuoli gulf include Nisida Island, Posillipo and Archeological Park

Full dive eqipment

Tank and weights only

385USD347USD

from 277USD

330USD297USD

from 238USD

312USD

267USD

277USD

238USD

1 Night dive + boat + torch + guide

Full dive eqipment

Tank and weights only

Snorkel only (mask + fins)

66USD59USD

from 48USD

44USD40USD

from 32USD

28USD25USD

from 20USD

53USD

36USD

22USD

48USD

32USD

20USD


No registration required.
Confirmation is immediate.



Dive Center Description

Centro sub pozzuoli description

Centro sub pozzuoli basic informations

The Pozzuoli diving center, born in 1992, operates in the Gulf of Pozzuoli, Naples and the islands of Capri, Procida and Ischia. The diving center is authorized to dive in the "Sunken city of Baia" protected marine area. Has. for dive, a mt. 8.50 dinghi with a 250 hp outboard, a 6.50 mt open boat with 40 hp outboard and a full day boat to the islands. The diving has 30 complete diving equipment, 50 cylinders, hot showers, changing rooms. The diving is located in a wonderful resort with beach houses, SPA and wellness center. It is training diving instructors NADD, CMAS, HSA.

Languages spoken: English and Italian

Facilities and services: Dive boat, Dive equipment shop, Equipped classroom, Gear storage lockers and Nitrox (paid)



Equipment rental

ItemDayWeek2 daysExtra day

Full dive equipment

22USD

66USD

110USD

11USD

Snorkel gear (mask and fins)

3USD

9USD

11USD

2USD

Fins

6USD

11USD

13USD

3USD

BCD

11USD

33USD

55USD

6USD

Regulator

11USD

33USD

55USD

6USD

Computer

11USD

33USD

55USD

6USD

Wetsuit

6USD

11USD

13USD

3USD

15 Liter Steel Tanks

11USD

55USD

77USD

6USD

Dive light

9USD

17USD

22USD

6USD

Nitrox fills

6USD

33USD

44USD

6USD



Dive boat


CENTROSUBPOZZUOLIONE

CENTROSUBPOZZUOLIONE

CENTROSUBPOZZUOLIONE

Model: NOVAMARINE DIVING 8.50

boat technical data
Material: Inflatable
Lenght: 8.50 m
Width: 2.40 m
Speeds: 30 knots
Engine: 250 HP
Gusest: 20
Crew: 3

Boat features and services: Bar, Fish ID & diving books and Non-diver (snorkeler) friendly

Food & Drinks: Snacks all day

Boat navigation and safety: Bilge pump alarm, Depth sounder, Fire alarm, Fire extinguishers, First aid kit, Crew trained in first aid, Fishfinder, GPS, Life vests, Oxygen, Oxygen therapy, Radio VHF/DSC/SSB, Satellite & mobile phones and Search light

FAST INFLATABLE BOAT, RACK FOR CILINDERS, DRY BONNETT, COOL BOX, LADDER.




Dive team


Ms. Imma Di Mondo

Ms. Imma Di Mondo

Dive instructor

NADD-HSA INSTR.

Ms. Eva Vingiano

Ms. Eva Vingiano

Divemaster

NADD DIVEMASTER

Mr. Osvaldo Davide

Mr. Osvaldo Davide

Dive instructor

NADD-CMAS-HSA INSTR.

Mr. Luca Appolloni

Mr. Luca Appolloni

Dive instructor

PADI INSTR. ARCH.PARK GUIDE

Mr. Gaetano Sensale

Mr. Gaetano Sensale

Dive instructor

NADD INSTR.

Mr. FABRIZIO LO RUSSO

Mr. FABRIZIO LO RUSSO

Dive instructor

NADD INSTR.

Mr. Francesco Quisisana

Mr. Francesco Quisisana

Dive instructor

NADD-HSA INSTR

Ms. FEDERICA MONTEFUSCO

Ms. FEDERICA MONTEFUSCO

Divemaster

NADD DIVEMASTER

Mr. Alberto Iengo

Mr. Alberto Iengo

Speciality instructor

NADD-CMAS INSTR.

Ms. Stefania Pozone

Ms. Stefania Pozone

Dive instructor

NADD-CMAS INSTR.

Ms. Matilde Merciai

Ms. Matilde Merciai

Dive instructor

NADD-CMAS-HSA INSTR.

Mr. Gennaro Gagliardi

Mr. Gennaro Gagliardi

Dive instructor

NADD-CMAS-HSA INSTR.

Mr. Stefano Corrente

Mr. Stefano Corrente

Head instructor

NADD-CMAS-HSA-PADI INSTR.

Mrs. Antonella Bosco

Mrs. Antonella Bosco

Dive Center Manager

NADD-HSA INSTR.

Ms. ALESSANDRA FRAGALE

Ms. ALESSANDRA FRAGALE

Divemaster

NADD DIVEMASTER, ARCHAEOLOGIST, TOURISTIC GUIDE

Mr. Rudi Facchinetti

Mr. Rudi Facchinetti

Dive instructor

NADD-CMAS-PADI EFR DIVE INSTR., ARCH. PARK GUIDE

Mr. Guglielmo Fragale

Mr. Guglielmo Fragale

Manager

Manager of diving, TRAINER CMAS, NADD, HSA , IDC PADI, authorized guide archaeological Park Sunken City of Baia

Ms. Imma Di Mondo

Ms. Imma Di Mondo

Dive instructor

NADD-HSA INSTR.

Ms. Eva Vingiano

Ms. Eva Vingiano

Divemaster

NADD DIVEMASTER

Mr. Osvaldo Davide

Mr. Osvaldo Davide

Dive instructor

NADD-CMAS-HSA INSTR.

Mr. Luca Appolloni

Mr. Luca Appolloni

Dive instructor

PADI INSTR. ARCH.PARK GUIDE

Mr. Gaetano Sensale

Mr. Gaetano Sensale

Dive instructor

NADD INSTR.

Mr. FABRIZIO LO RUSSO

Mr. FABRIZIO LO RUSSO

Dive instructor

NADD INSTR.

Mr. Francesco Quisisana

Mr. Francesco Quisisana

Dive instructor

NADD-HSA INSTR

Ms. FEDERICA MONTEFUSCO

Ms. FEDERICA MONTEFUSCO

Divemaster

NADD DIVEMASTER

Mr. Alberto Iengo

Mr. Alberto Iengo

Speciality instructor

NADD-CMAS INSTR.

Ms. Stefania Pozone

Ms. Stefania Pozone

Dive instructor

NADD-CMAS INSTR.

Ms. Matilde Merciai

Ms. Matilde Merciai

Dive instructor

NADD-CMAS-HSA INSTR.

Mr. Gennaro Gagliardi

Mr. Gennaro Gagliardi

Dive instructor

NADD-CMAS-HSA INSTR.

Mr. Stefano Corrente

Mr. Stefano Corrente

Head instructor

NADD-CMAS-HSA-PADI INSTR.

Mrs. Antonella Bosco

Mrs. Antonella Bosco

Dive Center Manager

NADD-HSA INSTR.

Ms. ALESSANDRA FRAGALE

Ms. ALESSANDRA FRAGALE

Divemaster

NADD DIVEMASTER, ARCHAEOLOGIST, TOURISTIC GUIDE

Mr. Rudi Facchinetti

Mr. Rudi Facchinetti

Dive instructor

NADD-CMAS-PADI EFR DIVE INSTR., ARCH. PARK GUIDE

Mr. Guglielmo Fragale

Mr. Guglielmo Fragale

Manager

Manager of diving, TRAINER CMAS, NADD, HSA , IDC PADI, authorized guide archaeological Park Sunken City of Baia

Images from Centro sub pozzuoli featured dive sites:

- Photo Gallery

  • Dive depth: 4 - 5m  Visibility: 10 - 20m, average visibility is 15m  Current: none - slightKnots  Water temperature: 14 - 26℃  Dive type: Archeology


  • Dive depth: 4 - 5m  Visibility: 10 - 20m, average visibility is 15m  Current: none - slightKnots  Water temperature: 14 - 26℃  Dive type: Archeology


  • Dive depth: 4 - 5m  Visibility: 10 - 20m, average visibility is 15m  Current: none - slightKnots  Water temperature: 14 - 26℃  Dive type: Archeology


  • Dive depth: 4 - 5m  Visibility: 10 - 20m, average visibility is 15m  Current: none - slightKnots  Water temperature: 14 - 26℃  Dive type: Archeology


  • Dive depth: 4 - 5m  Visibility: 10 - 20m, average visibility is 15m  Current: none - slightKnots  Water temperature: 14 - 26℃  Dive type: Archeology


  • Dive depth: 4 - 5m  Visibility: 10 - 20m, average visibility is 15m  Current: none - slightKnots  Water temperature: 14 - 26℃  Dive type: Archeology




Featured dive sites


CLAUDIO EMPEROR NIMPHAEUM, ARCH. PARK OF BAIA dive site

CLAUDIO EMPEROR NIMPHAEUM, ARCH. PARK OF BAIA

CLAUDIO EMPEROR NIMPHAEUM, ARCH. PARK OF BAIA

CLAUDIO EMPEROR NIMPHAEUM, ARCH. PARK OF BAIA

Snorkelers are welcome
Boat dive
Dive depth: 4 - 5m
Visibility: 10 - 20m, average visibility is 15m
Current: none - slight
Water temperature: 14 - 26℃
Dive type: Archeology
In zone A of the Archaeological Park of Baia, we find a rectangular building that came to light during a 1970 excavation campaign called "Ninfeo Triclinio" by Emperor Claudius.
On the site were found six statues that constituted the embellishment of a "Nymphaeum" or a local reproducing a sea cave where the myth placed the home of the nymphs. The statues are now present in copy where the originals were found that can be admired in the appropriate reconstructed room in the Archaeological Museum of Campi Flegrei, inside the Aragonese Castle of Baia.

Ninfeo dell'imperatore Claudio dive site

Ninfeo dell'imperatore Claudio

Ninfeo dell'imperatore Claudio

Ninfeo dell'imperatore Claudio

Snorkelers are welcome
Boat dive
Dive depth: 0 - 5m
Visibility: 5 - 20m, average visibility is 10m
Current: none - slight
Water temperature: 14 - 26℃
Dive type: Ambience, Archeology and Snorkeling
Nella zona A del Parco Archeologico di Baia, troviamo un edificio di forma rettangolare, venuto alla luce durante una campagna di scavo del 1970 denominato “Ninfeo Triclinio” dell’imperatore Claudio.
Sul luogo vennero ritrovate sei statue che costituivano l’abbellimento di un “ Ninfeo ” ossia un locale riproducente una grotta marina ove il mito collocava la dimora delle ninfe. Le statue sono ora presenti in copia ove furono ritrovati gli originali che si possono ammirare nella apposita sala ricostruita nel Museo Archeologico dei Campi Flegrei, all’interno del Castello Aragonese di Baia.
Qui gli ospiti dell’imperatore Claudio, al quale è attribuita la costruzione, venivano ospitati ed intrattenuti con cibo, danze e si deliziavano dei giochi d’acqua che zampillavano da fontane poste tra le statue. Dalle cronache dell’epoca e dallo scavo del manufatto, si ha conferma che il Ninfeo aveva una vasca centrale colma d’acqua e che al suo interno veniva posto in movimento un ingegno che immetteva acqua verso un canale che costeggiava le nicchie delle statue e sulla superficie dell’acqua navigavano piccole barchette ricolme del cibo offerto ai commensali dalle quali questi, distesi sui triclini, si servivano a piacere. Sul fondo del Ninfeo vi erano poste le statue raffiguranti la scena Omerica dell’ubriacatura del Ciclope, la cui statua era mancante alla scoperta, da parte di Ulisse e Bajos, le cui statue sono a sinistra e destra. Sul margine destro del Ninfeo vi sono quattro nicchie delle quali una è vuota, le statue riproducono Dioniso Giovinetto, Ottavia Claudia bambina, successivamente moglie di Nerone, figlia di Claudio, Dioniso con pantera, animale ad egli sacro, quella vuota, probabilmente, era occupata da un amorino. Sulla sinistra entrando viè una sola statua, quella di Antonia Minore, madre di Claudio, rappresentata come “Venere Genetrix” essendo ella la generatrice della “Gens Claudia”

Appena fuori il Ninfeo, il percorso prosegue con un grande edificio termale del quale si possono visitare gli ambienti tra i quali un pavimento in opus sectile policroma, probabilmente un frigidarium, appena restaurato. Poco distante vi è una strada basolata, chiamata ” via Herculanea “, che conserva i condotti laterali di deflusso acqua piovana ed una serie di ambienti laterali. Il lato ovest mena verso il lacus Baiani dove troviamo i resti imponenti di altre due ville, mentre percorrendola verso la dorsale Nord-Est, porta in direzione Porto Giulio.

Relitto dell'Ashanti Palm dive site

Relitto dell'Ashanti Palm

Relitto dell'Ashanti Palm

Relitto dell'Ashanti Palm

Beginner divers
Boat dive
Dive depth: 20 - 35m
Visibility: 5 - 15m, average visibility is 10m
Current: slight
Water temperature: 14 - 26℃
Dive type: Ambience, Exploratory and Wreck
A poca distanza del sito ove giace il Doris, verso sud ad un gomito del molo di S. Vincenzo, giace su un fondo che arriva a -36 mt il relitto di una vecchia nave a propulsione a vapore. Adibita al trasporto di oggetti orientali, l’ Ashanti Palm affondò a Napoli il 18 novembre 1962, a causa delle avverse condizioni meteorologiche. La nave, lunga circa 220 metri, si presenta spezzata in tre sezioni, ed il sommo di profondità è sui 20 metri. Purtroppo danneggiata dalla costruzione del nuovo braccio del molo S. Vincenzo, quindi schiacciata dai tripodi della diga foranea. Molto interessante per la fauna, pesci di branco e di passo, cernie, aragoste, San Pietro ed una enorme Rana Pescatrice che, raramente, si fa vedere e porta i segni di tentativi di pesca, pertanto poco incline alla “confidenza” con i sub, si tiene alla larga, ma, a volte, qualche fortunato la riesce a vedere. In alcune stive è possibile vedere ancora alcuni resti del carico. Anche se la profondità è vicina ai 30 e più metri in alcune parti, la penetrazione è molto suggestiva soprattutto nella parte centrale della stiva di enormi dimensioni. In genere l’immersione si propone in full day con il Doris per una perfetta accoppiata di relitti. Tra le dotazioni ed accessori si ritengono indispensabili torce di generose dimensioni e foto o video sub.
SCHEDA DELLA DITTA COSTRUTTRICE LA TYNE BUILT SHIPS
Name: ASHANTIAN
Type: Cargo Ship
Launched: 23/03/1947
Completed: 07/1947
Builder: Shipbuilding Corporation Ltd
Yard: Low Walker
Yard Number: 14
Dimensions: 7369grt, 4207nrt, 431.2 x 56.3 x 35.6ft
Engines: T3cyl (24.5, 39 & 70 x 48ins)
Engines by: North-Eastern Marine Engineering Co (1938) Ltd, Wallsend
Propulsion: 1 x Screw, 10.5knots
Construction: Steel
Reg Number: 181090
History:
07/1947 United Africa Company Ltd, Liverpool
1949 Palm Line Ltd, Liverpool; renamed ASHANTI PALM
18/11/1962 Wrecked

Comments: A standard ‘D’ type cargo ship
Intended name EMPIRE STROMA
18/11/1962: Wrecked after dragging her anchors and striking the breakwater at
Naples. On a voyage from Genoa to Port Harcourt with general cargo
Wreck subsequently sank

Villa Protiro dive site

Villa Protiro

Villa Protiro

Villa Protiro

Snorkelers are welcome
Boat dive
Dive depth: 0 - 5m
Visibility: 5 - 20m, average visibility is 10m
Current: none - slight
Water temperature: 14 - 26℃
Dive type: Archeology and Snorkeling
Di particolare interesse è il vasto bacino occidentale utilizzato come approdo per i natanti di discrete dimensioni e protetto a sud da una doppia fila di piloni. Posto nella zona A dell’ AMP sommersa di Baia, il sito, definito da un percorso guidato con piantine indicative, si snoda su una strada sulla quale si affacciano una serie di taverne e una villa privata, la villa a Protiro. Tale villa fu così definita per l’esistenza di un particolare porticato con la classica disposizione di panche all’esterno per l’attesa di persone, che la fanno attribuire ad un uomo di legge o di medicina.

L’ingresso a protiro era inquadrato da due lunghi sedili in muratura, oltrepassato il vestibolo (sul quale si affaccia l’ambiente dell’”ostiarius” o portinaio), si giunge nell’atrio dalle pareti rivestite di marmo, similmente agli ambienti adiacenti che, in diversi casi, erano pavimentati in mosaico. Preceduta da una fila di botteghe, la villa consta di due parti, una termale ed una residenziale, separate da un bacino rettangolare in comunicazione col mare ed ornato da statue, una delle quali (del tipo dell’Afrodite dei Giardini di Alcamene) è stata recentemente recuperata. Una serie di stanze si affacciano su un atrio centrale dal quale ricevono la luce. Un ampio giardino esposto ad Est, era contornato da un colonnato del quale si possono osservare ancora le basi circolari ove alloggiavano le colonne, si notano le impiombature delle stesse. Una colonna di marmo riversa accanto al limite del giardino è di riferimento per la tipologia di costruzione del colonnato. In una di questa stanze è possibile ammirare uno splendido mosaico in opus sectile, denominato “ a pelte” composto da tessere bianche e nere, riproduce, nel motivo centrale, lo scudo classico ellenico appunto definito pelte o peltarion, in un quadrato con quattro scudi. Il resto del pavimento è composto da disegni esagonali e di cornice. Oltre, verso nord, si possono ammirare degli ambienti termali con ancora visibili i doppi pavimenti a “sospensura” ed i condotti del vapore che alimentavano i “calidarium” delle terme. Proprio adiacente allo stesso, alcuni mesi or sono, è venuto alla luce un nuovo mosaico definito “dei lottatori”, esso riproduce delle scene di giochi del genere olimpico che si svolgevano in Puteoli, risaltano le fugure di due lottatori intenti a fronteggiarsi. Verso ovest vi sono alcuni esempi di pavimentazione in marmo bianco e cipollino, molto preziosi.

Secca Delle fumose dive site

Secca Delle fumose

Secca Delle fumose

Secca Delle fumose

Beginner divers
Boat dive
Dive depth: 2 - 15m
Visibility: 5 - 20m, average visibility is 10m
Current: none - slight
Water temperature: 14 - 26℃
Dive type: Ambience, Archeology and Snorkeling
La secca è sita a circa 750 metri dalla attuale linea di costa, e a 300 metri da quella antica ora sommersa. Su un fondale che va da – 9 metri a – 15 metri, si trovano una serie di 26 torri definite in “opus Pilarum”.
Questa costruzione, tipica dei porti Romani, quali quello di Anzio ed il vicino Caligoliano di Puteoli, veniva utilizzata anche per diga a difesa dei marosi, incanalamento di acque e per sorreggere ponti o strade.

La sua particolare allocazione, fuori dalla linea di costa, fa presumere che il costrutto potesse sorreggere qualcosa come il leggendario “ponte di Caligola” voluto dall’imperatore per ”poter camminare sull’acqua” .
Il sito viene denominato “delle fumose” poiché si colloca su un’area di forte attività vulcanica e, nella visita subacquea, nella zona occidentale del sito troviamo le classiche manifestazioni di tale attività : fumarole, solfatare, geyser. Tali attività interagiscono con la assoluta ricchezza di biodiversità, ed infatti è comune vedere pesci che nuotano con piacere attraverso le bollicine delle fumarole e i getti caldissimi dei geyser.
Parte della zona C dell’AMP, è fruibile ai diving con due boe che evitano i vietati ancoraggi dannosi per l’ambiente. Cernie numerosissime, grandi corvine, fitti banchi di saraghi, pesce azzurro, ricciole, lecce, nuvole di Cromis Cromis e, da poco, branchi di barracuda popolano festosamente la secca in ogni suo dove, lasciando il subacqueo visitatore gratificato. Per la sua bellezza e la sua tipicità l’area è definita, non a casso, “ il nostro mar Rosso ”!

Secca delle Formiche di Vivara dive site

Secca delle Formiche di Vivara

Secca delle Formiche di Vivara

Secca delle Formiche di Vivara

Beginner divers
Boat dive
Dive depth: 8 - 22m
Visibility: 10 - 30m, average visibility is 15m
Current: none - slight
Water temperature: 14 - 26℃
Dive type: Ambience, Cave and Exploratory
A mezzavia tra Procida ed Ischia sulla direttiva Vivara/Castello Aragonese d’Ischia, il fondale risale improvvisamente con guglie e pinnacoli sino a -4 metri, cosutituendo le secche di Vivara altrimenti conosciute come Secca delle Formiche. L’immersione in tale sito è senz’altro una delle più belle del Mediterraneo. Si tratta di una grande formazione rocciosa che in più punti è battuta da forti correnti che hanno dato origine, grazie all’erosione, a grotte, passaggi e archi naturali. Il giro completo della secca non è possibile farlo a meno che non si possa considerare un’immersione di 60/65 minuti alla profondità media di -15, con la riserva d’aria di un mono da 15, chiaramente sono in pochi a poterlo fare, quindi la si divide in due diverse immersioni: nella prima si visita un grande sifone con arco naturale e, poi, dopo un percorso di circa 70 metri di parete, si penetra uno stretto passaggio che porta ad un grande antro con camino superiore dal quale entra la luce, per poi uscire dalla grotta da una grande apertura a cuspide e ritornare verso l’ancoraggio.
Il secondo percorso prevede l’ingresso diretto nella grotta grande, l’uscita e la navigazione verso sud attraverso due archi naturali e la visita di altre tre grotte cieche. Ricoperta da gorgonie gialle la secca riserva incontri a sorpresa: ricciole, orate, dentici, aragoste, cernie, grossi polpi e gronchi di pezzatura.
Possibilità di vedere il riccio saetta ed il diadema, rari, ma non in questo sito.
L’immersione è indicata per le riprese video e fotografiche.

Secche del Castel dell'Ovo dive site

Secche del Castel dell'Ovo

Secche del Castel dell'Ovo

Secche del Castel dell'Ovo

Experienced/advance divers
Boat dive
Dive depth: 20 - 35m
Visibility: 5 - 20m, average visibility is 10m
Current: slight
Water temperature: 14 - 26℃
Dive type: Ambience, Archeology and Exploratory
Il Castello sorge sull’isolotto tufaceo dell’antica Megaride (su cui la leggenda vuole che fosse approdata, sfinita, la sirena Partenope, che avrebbe dato il nome alla città antica), in realtà nel IX secolo a. C. vi approdarono navi guidate da Greci, probabilmente Rodii, i quali immediatamente si stabilirono, appunto, sull’isolotto. Su questo nel I sec. A.C. il patrizio romano Lucio Licinio Lucullo fece erigere per sé una fastosa ed enorme villa (il Castrum Lucullanum) famosa per i cosi detti “pranzi Luculliani”, per le sue peschiere, i grandi frutteti ove, per la prima volta, furono importati dall’oriente i Peschi ed i ciliegi, oltre per aver ospitato il poeta Virgilio chiamato dai napoletani “il mago” che la legenda popolare vuole essere colui che pose un uovo magico nelle mura del castro Luculliano, poi divenuto monastero ed infine “ Castel dell’Ovo” grazie a tale legenda, la cui integrità sarebbe stata di buon auspicio per Napoli. Il fondale si articola con un declivio che mena ad una Cigliata a – 30 metri a sud dal famoso castello. Il fondale roccioso con secche che si alternano tra loro, è caratterizzato dalla presenza di Cerianthi, Nudibranchi e pinne nobilis. Buona la visibilità con venti provenienti dai quadranti nord. Si incontrano facilmente polpi, saraghi di piccolo taglio, scorfani, ma sopratutto aragoste che popolano il ciglio. Il sito è consigliato anche per immersioni notturne data anche la suggestiva vista di Napoli illuminata. Le aragoste sono la caratteristica di questa immersione, ve ne sono tante!

Nisida relitto contraerea dive site

Nisida relitto contraerea

Nisida relitto contraerea

Nisida relitto contraerea

Beginner divers
Boat dive
Dive depth: 14 - 24m
Visibility: 10 - 20m, average visibility is 15m
Current: slight
Water temperature: 14 - 26℃
Dive type: Exploratory
Siamo a pochi metri dalla meda del Parco regionale dei Campi Flegrei, su un fondo di sabbia si erge una delle più belle secche dell’isolotto vulcanico di Nisida. Una serie di pinnacoli che creano canyon complessi fa da cornice circolare ad un relitto di una contraerea da nave che era conficcata della sabbia che da giovedì 16 novembre 2017 è stata da noi messa in posizione eretta in collaborazione con la soc. Acquavet di Paolo Ardizio con l’ausilio di sofisticati sistemi di sollevamento, ora fa bella mostra di sè con il cannone in posizione di fuoco. Risultano evidenti, oltre il cannone, la torretta girevole, il volantino di alzo tiro e la santabarbara tutta divelta, probabilmente a causa di un colpo ben assestato, che ha fatto esplodere la riserva di munizioni in essa contenute e letteralmente saltare via dalla tuga della nave ove era montata, tutta l’arma. Il relitto è di grande effetto e lo è ancora di più adesso che è in posizione di sparo, pronto ad essere il protagonista delle foto dei sub che la visiteranno che renderà ancora più emozionante la splendida immersione da noi proposta. L’immersione prosegue con l’attraversamento dei canyon ricoperti di una fitta foresta di gorgonie e popolata da cernie di diversa taglia, sul top vi è passaggio di barracuda del genere Sphyraena viridensis. Sulle colonie di idroidi e sull’alga bruna si possono osservare bellissimi nudibranchi del genere “cratena peregrina” e “ flabellina affinis” oltre che “Discodoris atromaculata” conosciuta come vacchetta di mare.
Attraversata una piccola radura si arriva ad un magnifico arco naturale a – 19mt che attraversato porta al percorso di ritorno o, se lo permette l’aria, alla esplorazione di un enorme monolite a parete che conduce verso un altro relitto, un grande avvolgi cavo, con ogni probabilità della stessa nave della contraerea. Profondità-14/-22 mt. Consigliatissima per riprese video e foto.

Immersione Portus Julius dive site

Immersione Portus Julius

Immersione Portus Julius

Immersione Portus Julius

Snorkelers are welcome
Boat dive
Dive depth: 0 - 3m
Visibility: 10 - 20m, average visibility is 15m
Current: none - slight
Water temperature: 14 - 26℃
Dive type: Ambience, Archeology and Snorkeling
Situato sulla linea costiera che da Pozzuoli va a a Baia, l’antica Bauli, il Portus Julius fu commissionato nel 37 a.c. da Marco Vipsanio Agrippa, per volere di Ottaviano durante la guerra civile tra questi e Sesto Pompeo. La grandiosa struttura portuale, adibita ad arsenale della flotta di Miseno era collegata attraverso un canale navigabile ai laghi di Lucrino e D’averno. Il porto offriva un naturale rifugio protetto per le navi da guerra oltre ad un ampio cantiere navale interno.
Oggi è possibile vedere ad una profondità che va da 3mt a 5mt i resti della struttura portuale le torri di ingresso in opus pilarum ed alcuni magazzini.
Il porto inizialmente, svolse la funzione di base militare navale. Il progressivo abbassamento della linea di costa causato dal bradisismo e l’arretramento della costa marina produsse la scomparsa del lago di Lucrino e il porto romano venne completamente sommerso. Le strutture del porto vennero riscoperte nel 1956 grazie alle foto aeree scattate dal pilota militare Raimondo Bucher.
Attraverso quelle foto ed i rilievi subacquei effettuati, è stato evidenziato il complesso sommerso, corrispondente al porto antico e ad un tratto della via Herculanea, che si estende per circa 10 ettari ad una profondità variabile da 2,50 a 5 metri circa.

Vi si può osservare il tracciato di una via che passa fra i resti di due file parallele di magazzini portuali, con alzate di murature in opera reticolata, intonaci, casseforme lignee, impianti idraulici e poi un edificio più vasto con un orientamento diverso da tutte le altre strutture, disposto obliquamente, con dei pavimenti a mosaico, vedi immersione domus con peristilio.

Torre Saracena dive site

Torre Saracena

Torre Saracena

Torre Saracena

Beginner divers
Boat dive
Dive depth: 14 - 27m
Visibility: 10 - 20m
Current: none - slight
Water temperature: 14 - 26℃
Dive type: Ambience, Archeology and Exploratory
Il sito di immersione si trova in prossimità di un’altra delle aree archeologiche sommerse occupata dai resti di una villa residenziale, probabilmente appartenuta ad Orazio.
Quest’enorme torre, detta ” torre saracena ” con molta probabilità è la base di un faro di epoca romana, conosciuto come Faro di Miseno, successivamente inabissatosi scivolando e poi cadendo sul proprio lato est, in seguito ai fenomeni di bradisismo che interessano la costa flegrea.
La torre, alta circa 14 metri, su un fondo che va dai 19 ai 27 metri, è in opus pilarum, e presenta tratti in opera reticolata e laterizia. Si presuppone che probabilmente anche la parte sotto sabbia sia rivestita da opus reticulatum. La torre rappresenta la più grande costruzione del suo genere nel golfo. Alla base, lato ovest, Un presepe, opera marmorea di un artista locale, è sistemato poi su un angolo della torre, posto ad una profondità di circa 20 metri. Sula lato sud /est giace un relitto di una barca in vtr abitato, spesso, da alcune cerniole di fondale (Eph. Americanus) Gronchi e murene la fanno da padrone e, da marzo, molte piccole aragoste sbucano con le loro antennine dagli anfratti della torre.

Immersione cisterna e peschiera della Dragonara dive site

Immersione cisterna e peschiera della Dragonara

Immersione cisterna e peschiera della Dragonara

Immersione cisterna e peschiera della Dragonara

Beginner divers
Boat dive
Dive depth: 0 - 8m
Visibility: 5 - 15m, average visibility is 10m
Current: none - slight
Water temperature: 14 - 26℃
Dive type: Ambience, Archeology and Snorkeling
Il sito si trova sul litorale di Miseno, una ridente località marina del comune di Bacoli, poco distante da Pozzuoli.
Sull’omonimo promontorio il generale romano Lucullo fece costruire un complesso residenziale composto di più elementi disposti su più livelli digradanti verso il mare.
L’attuale “Grotta della Dragonara”, completamente scavata nel tufo, fu realizzata in età augustea per servire le flotte militari o probabilmente la vicina Villa di Lucullo.
Successivamente fu infatti annessa a quest’ultima e dotata di peschiere e ninfei.
La cisterna è composta da grandi vasche ricoperte da cocciopesto che permettevano la depurazione delle acque piovane. Il sito si caratterizza per una serie di ambienti, attualmente semisommersi tra la spiaggia e il costone, che risultano facili da visitare e pieni di luce, anche in apnea.

Secca di Miseno 1 e 2 dive site

Secca di Miseno 1 e 2

Secca di Miseno 1 e 2

Secca di Miseno 1 e 2

Experienced/advance divers
Boat dive
Dive depth: 24 - 45m
Visibility: 10 - 20m, average visibility is 15m
Current: slight - moderate
Water temperature: 14 - 26℃
Dive type: Ambience, Big fish and Deep
È parte di edificio vulcanico definito a Banco. Consiste in una grande falesia la cui parte maggiormente erosa posta a sud/sud-est, è rimaneggiata in grandi faraglioni che insistono su un fondale posto a – 46/58 metri. Il top della secca è a – 24, praticamente sull’altopiano integro della formazione, i faraglioni dalla conformazione a mammellone, sono una decina ed i più lontani dalla falesia principale, verso est, sono i più profondi. Maestose aquile di mare sorvolano le piane di sabbia che separano i mammelloni che sono ricoperti da gorgonie del tipo Paramuricea clavata i cui rami, specie nei limiti della secca,sono colonizzati da bianchissimi polipi di Gerardia Savaglia (falso corallo nero), su di un mammellone posto a – 50 se ne possono osservare alcuni rami non parassita, molto raro. Cernie di taglia colonizzano le spaccature sottostanti i mammelloni e quelle verticali della falesia, sparsi sulla stessa e sul fango è facile osservare reperti bellici affondati dopo la II guerra mondiale in queste acque: proiettili di mitragliera in nastri, grossi da cannone contraereo, razzi aria/terra, tutti pericolosamente ancora “attivi” quindi solo da osservare e non toccare!

Secca della Gaiola - Golfo di Napoli dive site

Secca della Gaiola - Golfo di Napoli

Secca della Gaiola - Golfo di Napoli

Secca della Gaiola - Golfo di Napoli

Beginner divers
Boat dive
Dive depth: 5 - 18m
Visibility: 10 - 20m, average visibility is 15m
Current: slight
Water temperature: 14 - 26℃
Dive type: Ambience, Archeology and Exploratory
Siamo nell’AMP di Gaiola, zona A inerente le peschiere di Villa Pausillipon, grande complesso residenziale dell’aristocratico Pubblio Vedio Pollione, poi ceduto all’impero.L’area archeologica si estende dalla collina di Posillipo giù per la discesa Gaiola sino alla zona marina, in parte sommersa, nei pressi dell’isolotto della Gaiola. Qui si possono osservare i resti delle opere murarie inerenti il sistema di peschiere della villa, famoso per i suoi murenai, e parte del giardino fronte mare, tutto inabissatosi a causa dei movimenti bradisismici che interessano anche tale zona. AMP dal 1998 come quella di Baia, è considerata zona A nel tratto che circonda l’isolotto di Gaiola e sino al margine sella omonima secca.
Il sito si caratterizza anche per le sue biodiversità. La grande presenza di madrepore Cladocora caespitosa e Parazoanthus axinellae che producono le stesse rocce su cui si insediano triglie, murene e varie specie che prediligono fondali anche più profondi.Molti massi sono poi tana di grandi saraghi fasciati, mentre qualche esemplare di sarago faraone, molto raro, si può incontrare a sud sul margine terminale della secca.
Esposte alla luce solare, ciuffi bruni e rossi di alghe a foglia laminare, fanno bella mostra di se spuntando da piattaforme tufacee, mentre le zone più in ombra di tali edifici mostrano alghe della specie Amphiroa rigida, dai caratteristici mazzetti bluastri.Nutrita la presenza di gorgonie gialle e bianche, sia sul top ( già da – 6 metri) che sulle pareti laterali.
Su un faraglione esterno, in particolari condizioni di buio e corrente, è stato possibile scorgere a soli 10 metri, piccoli rametti di corallium rubrum. Top della secca -2mtsino a -18

Secca Rione Terra dive site

Secca Rione Terra

Secca Rione Terra

Secca Rione Terra

Beginner divers
Boat dive
Dive depth: 5 - 10m
Visibility: 5 - 20m, average visibility is 10m
Current: none - slight
Water temperature: 14 - 26℃
Dive type: Archeology, Shoal and Snorkeling
Ci troviamo a Pozzuoli, ai piedi della famosa rocca tufacea del Rione Terra, uno dei primi insediamenti dell’antica Dicerachia (città del giusto governo), chiamata successivamente, sotto il governo di Roma, Puteolis
Il sito è caratterizzato da una serie di opus pilarum (grossi blocchi in opera cementizia e tufo) che danno origine ad una moltitudine di passaggi a canyon e grotto che ne fanno una divertente e leggera immersione ripetitiva. L’habitat vede la presenza di molte specie di piccola taglia oltre a polpi, spigole e pesce bianco, grandi attinie di sabbia e pinne nobilis. L’area, generalmente nota ai locali anche come “secche delle chiane”, presenta un livello d’immersione di difficoltà facile. La profondità massima è di 10 metri.

Villa dei pisoni dive site

Villa dei pisoni

Villa dei pisoni

Villa dei pisoni

Snorkelers are welcome
Boat dive
Dive depth: 0 - 5m
Visibility: 5 - 20m, average visibility is 10m
Current: none - slight
Water temperature: 14 - 26℃
Dive type: Ambience, Archeology and Snorkeling
La villa dei Pisoni del I° secolo a.c. , attribuita alla famiglia patrizia dei Pisoni, per il ritrovamento di una “fistola plumbea” riproducente la scritta L.C. Pisoniis (Lucio Calpurnio Pisoni), fu annessa all’impero dopo che fu scoperta una congiura contro Nerone ordita proprio nella villa detta poi “congiura dei Pisoni ”
La villa fu, in seguito, modificata dall’imperatore Adriano che la volle simile a quella, altrettanto famosa, di Tivoli. Oggi è possibile visitare, grazie ad un percorso sommerso guidato che ha dei blocchi con piantine, la Natazio (piscina termale), il muro esterno chiaroscurato sul quale è visibile l’opus latericium e reticolatum.
Il percorso porta ad una fontana con vasche in reticolo che poi si snoda attraverso gli “ambulatio” del porticato prospiciente un grande giardino.
A sud/est dello stesso si può ammirare, un semicolonnato in laterizio, oggetto di restauro nel quale sono stati sostituiti dei “ cubilia ” nuovi dell’opus reticolatum.
Oltre vi è il complesso termale, mentre dall’altro lato vi sono una serie di stanze di servizio che conducono alla parte marittima della casa che affaccia sul molo, protetto da opus pilarum e, più avanti, un complesso di peschiere. Di recente è venuto alla luce un meraviglioso pavimento a mosaico con motivi floreali.

Ripa puteolana, le Monachelle dive site

Ripa puteolana, le Monachelle

Ripa puteolana, le Monachelle

Ripa puteolana, le Monachelle

Beginner divers
Boat dive
Dive depth: 0 - 5m
Visibility: 10 - 20m
Current: slight
Water temperature: 14 - 26℃
Dive type: Archeology, Exploratory and Snorkeling
Siamo nell’immediato tratto costiero prospiciente l’omonima spiaggia. Il sito ha una rilevanza notevole per i reperti e manufatti archeologici sommersi, difatti esso insiste sull’antica ripa puteolana, ovvero il tratto costiero che menava verso il Portus Julius. L’abitato era costituito da ville patrizie, difatti è presumibile una residenza della facoltosa famiglia dei Calpurni, ai quali si deve il “culto degli augustali” , ovvero la divinizzazione degli “Augusti” ovvero imperatori. Tra gli edifici sommersi vi sono anche una moltitudine di “orrea” ovvero botteghe, nello specifico di scalpellini. Difatti è facile, durante l’immersione, imbattersi in grandi blocchi di marmo non ancora finito di lavorare, probabilmente poiché le botteghe furono lasciate velocemente a causa di episodi di bradisismo. Appaiono evidenti una serie di ambienti termali con “natazio” ossia piscine, dato il ritrovamento di lastre plumbee su opera cementizia ed anche classici passaggi idraulici. Poco distante da un ambiente di tale appartenenza vi è una grande colonna in marmo cipollino parzialmente insabbiata dal diametro di circa 40 cm e stimata in 3 mt di lunghezza. L’immersione è semplice e in pochi metri, ma, comunque , riserva incontri inaspettati come orate, spigole, ricciolette e finanche piccoli barracuda e tanti reperti come pezzi di anfora, oggetti di marmo e altro da “vedere e……non toccare”!

Relitto del Miseno dive site

Relitto del Miseno

Relitto del Miseno

Relitto del Miseno

Professional divers
Boat dive
Dive depth: 58 - 70m
Visibility: 15 - 20m, average visibility is 15m
Current: moderate
Water temperature: 14 - 26℃
Dive type: Ambience, Exploratory and Wreck
Il miseno era un rimorchiatore della Marina Militare Italiana, la sua lunghezza è di circa 25mt per una larghezza di 7. Il 27 novembre 1982 proveniente dalla Maddalena e diretta verso Napoli. Giunta nei pressi di Ischia fu coinvolta in un fortunale ed imbarcata acqua dalla dritta iniziò ad affondare. L’equipaggio fu tratto in salvo da mezzi di soccorso da altre imbarcazioni accorse in aiuto. Il rimorchiatore affondò finendo con il posizionarsi su un fondale che va dai 65 ai 75 metri ed, attualmente, è così posizionato con la prua ad ovest in posizione di navigazione. Il fumaiolo è a -58mt mentre il resto è a -65/70mt.
L’immersione è chiaramente riservata a sub tecnici con provata esperienza, inoltre rappresentano difficoltà aggiunta la lontananza dalla costa, la presenza di correnti e la profondità stessa. Per coloro che ne hanno i requisiti risulta di grandissimo impatto emotivo grazie alla ottima conservazione del relitto e alla presenza di tanto pesce.

Relitto del Doris dive site

Relitto del Doris

Relitto del Doris

Relitto del Doris

Beginner divers
Boat dive
Dive depth: 14 - 22m
Visibility: 5 - 15m, average visibility is 10m
Current: slight
Water temperature: 14 - 26℃
Dive type: Ambience, Exploratory and Wreck
Il sito è localizzato all’esterno dell’antimurale del molo di S. Vincenzo, braccio maestro di ponente del porto di Napoli. Sul fondo, a circa 20 metri, vi è il relitto di una nave cargo, il Doris, sopranominata ”Olandese Volante”. Proveniente da Iskenderun, in Turchia, diretta verso il centroamerica, il cargo entra nella rada di Napoli il 12 ottobre del 1964 per poi affondare due giorni dopo a causa di una forte mareggiata e della rottura dei mezzi di governo. Il cargo, lungo 120 metri, è adagiato sul fondo a circa – 20mt con la propria fiancata sinistra, la murata destra è a – 10mt circa. Esso offriva suggestivi passaggi interni, ma, purtroppo, ora della nave è rimasto intatto il castello di controllo fino allo specchio di poppa; la violenta mareggiata del 23 dicembre 2004 ha fatto collassare la stiva centrale per cui la zona di prua è possibile visitarla solo esternamente, per il medesimo motivo sono caduti nel fondo fangoso i maestosi alberi, prima oggetto di bellissime foto, il relitto è, per le sue dimensioni e per la penetrabilità molto affascinante ed adatto alla video e foto sub. L’immersione è caratterizzata dalla presenza di reti, la visibilità può essere scarsa nei primi metri, l’immersione da evitare con venti di quadrante sud, quindi è consigliabile visitare il sito con venti di maestrale e levante, ottimi per la visibilità e il mare calmo. Il relitto è habitat di numerose specie quali cernie saraghi, murene, gronchi, nudibranchi ed aragoste. In autunno si incontrano affollati branchi di ricciole.

Secca di Nisida dive site

Secca di Nisida

Secca di Nisida

Secca di Nisida

Beginner divers
Boat dive
Dive depth: 16 - 25m
Visibility: 10 - 20m, average visibility is 15m
Current: slight
Water temperature: 14 - 26℃
Dive type: Ambience and Exploratory
Il sito fa parte del banco esterno di Nisida ed è separato dalla stessa da un pianoro di sabbia che scende sino a – 24 metri.
La secca consiste in una parete a falesia che si erge fronte sud, molto lunga e varia con il top a – 11 metri, fondo a -22 metri ed un “altopiano” caratterizzato da diversi pinnacoli e canyon.

La fauna marina è composta da gorgonie del tipo Eunicella Cavolini, di colore giallo, ed Eunicella Stricta, di colore bianco.
E’ facile, inoltre, incontrare rami di Leptogorgia Sarmentosa che con i loro polipi minuti e sottili sembrano tessere merletti raffinati dai colori che vanno dal verde acido, al giallo ocra, all’ arancio e al marrone. Bellezze subacque da fotografare con lampada in controluce.
Sull’alga bruna vivono numerose flabelline viola e gialle, del genere Cratena, minuscole quanto belle da vedere e fotografare. Sulla parete incontriamo numerose “vacchette di mare” con il loro manto pezzato e, spesso, in accoppiamento.

Fitti branchi di saraghi, diplodus vulgaris, popolano il top della secca e nei canyon si aggirano grosse spigole e cefali dorati. Nelle fessure della grande parete spesso si intravedono le antenne di aragoste che fanno capolino incuriosite dalla presenza dei sub.
L’immersione dura circa 40 minuti in multilivello ed è ottima per open con minima esperienza.

PROTIRO'S VILLA ARCH. PARK OF BAIA dive site

PROTIRO'S VILLA ARCH. PARK OF BAIA

PROTIRO'S VILLA ARCH. PARK OF BAIA

PROTIRO'S VILLA ARCH. PARK OF BAIA

Snorkelers are welcome
Boat dive
Dive depth: 4 - 5m
Visibility: 10 - 20m, average visibility is 15m
Water temperature: 14 - 26℃
Dive type: Archeology and Snorkeling
Located in the A zone of the submerged AMP of Baia, the site runs along a road lined with a series of taverns and a private villa, the villa of Protiro. This villa was so defined for the existence of a particular portico with the classic arrangement of benches outside for the waiting of people, that make it to attribute to a man of law or medicine.

Pietra salata dive site

Pietra salata

Pietra salata

Pietra salata

Beginner divers
Boat dive
Dive depth: 0 - 18m
Visibility: 10 - 20m, average visibility is 15m
Current: slight
Water temperature: 14 - 26℃
Dive type: Ambience, Archeology and Exploratory
Al largo di Capo Posillipo, a poca distanza dalla splendida “Villa Rosbery”, residenza presidenziale di Napoli, giacciono i resti, ormai sommersi, di una villa marittima di epoca imperiale Romana. L’edificio si protendeva in mare grazie a costruzioni artificiali e dei suoi porticati si sono recentemente recuperate alcune colonne. La costa si impenna in una parete di tufo a picco sul mare, segnata da tagli artificiali, caratteristici, peraltro, dell’intero litorale di Posillipo, spesso attribuiti all’apertura di strade costiere o a diramazioni dell’acquedotto, ma più probabilmente connessi all’attività di cava. La cosiddetta “Pietra salata”, uno scoglio affiorante proprio di fronte la villa Rosbery, è parte integrante di queste rovine, sullo stesso insiste un impianto di peschiera. Lo scoglio degrada verso sud per finire su un fondale di circa 18 metri. L’immersione permette di scorgere i menzionati resti del manufatto di epoca Romana imperiale, in particolare mura e resti di peschiere con le caratteristiche chiuse per l’afflusso dell’acqua ed i gradini e le lunghe murate.
Sul fondo, ove vi è una prateria di posidonia, grandi seppie si lasciano avvicinare per poi scomparire in una nuvola di inchiostro non appena il nostro interesse si fa più “audace”.

Portus Julius mosaics dive dive site

Portus Julius mosaics dive

Portus Julius mosaics dive

Portus Julius mosaics dive

Snorkelers are welcome
Boat dive
Dive depth: 0 - 3m
Visibility: 10 - 20m
Current: none - slight
Water temperature: 14 - 26℃
Dive type: Archeology, Shoal and Snorkeling
Sito ove è possibile ammirare una serie di pavimenti forse facenti parte di una residenza di un commerciante, forse Egizio, nella zona dei magazzini del Portus Julius.
I pavimenti, posti ad una profondità di 3/5 metri, sono cinque.

Il più grande, posto di traverso agli altri, in coccio pesto con decorazioni a tesserine di marmo bianche e nere a fiorellini, un altro, poco più piccolo, con decorazioni in tesserine bianche a forma di rombo.
Seguono altri due piccoli, in coccio pesto, con decorazioni rappresentanti due simboli ieratici: la svastica greca ed il quadrato concentrico, uniti dai prolungamenti di entrambi. Questi simboli, già utilizzati dagli egizi, dai greci ed anche in culture indù e buddiste, rappresentavano il “ disco solare ” e sono un diretto riferimento alla leggendaria civiltà atlantidea.

Al centro vi è un pavimento differente dagli altri, in opus sectile, con tessere di marmo bianche ed una greca in tessere di ossidiana, una pietra lavica nera.

La peschiera semicircolare della Villa antistante castello di Baia dive site

La peschiera semicircolare della Villa antistante castello di Baia

La peschiera semicircolare della Villa antistante castello di Baia

La peschiera semicircolare della Villa antistante castello di Baia

Snorkelers are welcome
Boat dive
Dive depth: 0 - 10m
Visibility: 10 - 20m, average visibility is 15m
Current: none - slight
Water temperature: 14 - 26℃
Dive type: Ambience, Archeology and Snorkeling
Ci troviamo a Baia, Le rovine che si intravedono nella trasparenza delle acque sottostanti il belvedere del castello di Baia, sono parte marina del Palatium inglobato all’interno del Castello Aragonese di Baia, probabilmente appartenuto a Cesare. Le rovine della sono oggi oggetto di scavo nello stesso castello edificato dagli Aragona.
Il tratto meglio conservato è quello delle peschiere, in particolare quello della Peschiera semicircolare che, dalle foto rilevate da Google Earth hanno fatto cadere in errore alcuni che le hanno identificate come odeon o arena.
L’ immersione, sotto costa, è semplice ed anche possibile in snorkeling, viene difatti proposta come parte dalla superficie e parte in immersione per esaltarne le caratteristiche. Oltre le peschiere vi sono 8 torri in opus pilarum, poste a difesa dai marosi e quali “captatori” della piena d’acqua necessaria alla circolazione all’interno della peschiera stessa. La profondità varia da -3 a -10 metri

Secca di Pentapalumbo - La cattedrale 1 dive site

Secca di Pentapalumbo - La cattedrale 1

Secca di Pentapalumbo - La cattedrale 1

Secca di Pentapalumbo - La cattedrale 1

Experienced/advance divers
Boat dive
Dive depth: 40 - 60m
Visibility: 10 - 20m, average visibility is 15m
Current: slight - moderate
Water temperature: 14 - 26℃
Dive type: Ambience, Big fish and Deep
La secca di Pentapalumbo è il resto di un edificio vulcanico del quale sono rimasti integri i soli effluvi lavici in tufo grigio.

Il sito si compone di due grandi edifici dai quali si ergono più pinnacoli ed alcuni mammelloni sparsi che hanno la caratteristica di essere ricoperti di grandi spugne gialle incrostanti del tipo a “ manina ” .

Grandissimi rami di paramuricea clavata ed albina ne ricoprono sia i due edifici principali che i pinnacoli. Molto belle anche le paramuricee con alcionari parassiti.

Queste acque si caratterizzano per l’estrema limpidezza e trasparenza che spesso permettono di vedere, anche da – 50 metri, le barche in superficie.
Caratteristiche queste che danno una grande sensazione di sicurezza e permettono, pur considerando la profondità, di vedere tutta la secca nella sua estensione. Profondità massima – 56 metri top a – 42

Grotte di Miseno dive site

Grotte di Miseno

Grotte di Miseno

Grotte di Miseno

Beginner divers
Boat dive
Dive depth: 0 - 12m
Visibility: 10 - 20m, average visibility is 15m
Current: none - slight
Water temperature: 14 - 26℃
Dive type: Ambience, Cave and Exploratory
Poco distanti dal capo di Miseno vi sono due ingrottamenti, l’uno sul fronte sud del capo e l’altro sulla parete est. Passaggi in canyon e ricchezza di pesce di passo sono la caratteristica del sito. Immersione facile con profondità massima di -12 metri e facile percorso in grotta molto ampia ne fanno una piacevole seconda immersione della giornata.

La domus con peristilio dive site

La domus con peristilio

La domus con peristilio

La domus con peristilio

Snorkelers are welcome
Boat dive
Dive depth: 0 - 3m
Visibility: 10 - 20m, average visibility is 15m
Current: none - slight
Water temperature: 14 - 26℃
Dive type: Archeology, Shoal and Snorkeling
In un’area contigua al sito dei Mosaici, vi è una domus, probabilmente appartenuta ad un commerciante. Ben conservato appare l’impianto murario di base, una cisterna ed un peristilio o portico in colonnato di laterizio, del quale alcune delle 13 colonne sono, per un metro circa, ancora in piedi.
Le mura di perimetro evidenziano la costruzione in opus laterizia e reticolata, e sopratutto la presenza di alcuni stucchi ancora visibili nonostante siano trascorsi oramai circa 2000 anni.
Il complesso, che affacciava su una delle sponde interne del porto Giulio, è contiguo ad altre residenze e magazzini (orrrea) di cui i si possono vedere alcuni pavimenti in coccio pesto, purtroppo non perfettamente conservati.

Secca del torrione dive site

Secca del torrione

Secca del torrione

Secca del torrione

Beginner divers
Boat dive
Dive depth: 10 - 20m
Visibility: 10 - 20m, average visibility is 15m
Current: slight
Water temperature: 14 - 26℃
Dive type: Ambience and Exploratory
L’area d’immersione è a poca distanza dal Castello Aragonese di Ischia, tra il sito del Banco d’Ischia ed il sito delle Secca delle Formiche.
Situata a – 12 di cappello e con fondo a – 24 metri, l’area presenta un grosso corpo roccioso meta di immersioni facili e tranquille.
I fondali creano un habitat ottimale per una fauna marina che ama ambienti semioscuri.
Crostacei che amano gli anfratti bui come Aragoste e Cicale di mare, che d’estate risalgono a basse profondità per riprodursi, popolano queste acque. Numerose anche le specie di pesci presenti.
Scorfani, cernie, aragoste, polpi e branchi di sparidi godono della compagnia di ricciole, tonnetti e spigole anche di grosse dimensioni.
La straordinaria bellezza di questa immersione è accessibile sia ai neofiti, per la profondità massima che non supera i 20mt che ad esperti o fotografi appassionati di foto d’ambiente.
L’immersione è indicata infatti per le riprese video e fotografiche.

Relitto e piattaforma di acquacoltura dive site

Relitto e piattaforma di acquacoltura

Relitto e piattaforma di acquacoltura

Relitto e piattaforma di acquacoltura

Experienced/advance divers
Boat dive
Dive depth: 40 - 70m
Visibility: 10 - 30m, average visibility is 15m
Current: slight - moderate
Water temperature: 14 - 26℃
Dive type: Ambience, Deep and Wreck
Sita ad un miglio circa dal porto di Pozzuoli, il relitto è di una fish factoring che produceva pesce di maricoltura.
Affondata nel 2008 a seguito di una forte libecciata ed a causa di un malfunzionamento dell’impianto di sollevamento e galleggiamento, la piattaforma giace, rovesciata di 180°, su un fondale di 65 metri. Il punto meno profondo è a – 40 metri e coincide con la parte inferiore, composto da una struttura ottagonale di circa 70 metri vertice-vertice.
Sul lato sud si scorge il complesso delle reti che formavano le camere di allevamento, mentre il corpo emerso, ora poggiato sul fondo, è circa 25 metri sotto. Il costrutto è già timidamente colonizzato da cirripedi e vari organismi incrostanti quali spugne ascidie. Bellissimi ed affascinanti crinoidi gialli e tigrati, in quantità inconsueta, ricoprono i grandi tubolari. Nuvole di pesce stazionano intorno alle grandi colonne tubolari che costituiscono la struttura ottagonale.
L’immersione è consigliabile a veri esperti anche per la forte sensazione di giungere, dopo alcuni metri di acqua quasi sempre limpidissima, sull’enorme struttura che all’improvviso appare in tutta la sua maestosità.
L’immersione si effettua in gruppi di massimo 6 persone, tutte con brevetto tek o Advanced deep air di provata esperienza.

Immersione panettoni di Nisida dive site

Immersione panettoni di Nisida

Immersione panettoni di Nisida

Immersione panettoni di Nisida

Beginner divers
Boat dive
Dive depth: 15 - 25m
Visibility: 10 - 20m, average visibility is 15m
Current: none - slight
Water temperature: 14 - 26℃
Dive type: Ambience and Exploratory
L’area, situata a nord del banco di Nisida, è caratterizzata dalla presenza di un complesso di tre grandi mammelloni, (il termine fu coniato dall’esploratore e naturalista francese Jean Baptiste Bory de Saint-Vincent) le tipiche formazioni rocciose create dall’eruzione di magma relativamente denso.
Il top di questo complesso è situato a – 14 metri ed il fondo a – 25 metri.

La formazione rocciosa è ricoperta da fantastiche gorgonie gialle e bianche che unitamente alle grosse spugne gialle esistenti in queste acque, caratterizzano la flora di questo sito.

Banchi di pesce bianco e nudibranchi dalle colorate livree sgargianti, popolano invece questi fondali che per la conformazione delle pareti e degli scorci presenti, ben si prestano per la fotografia subacquea.
L’immersione si presenta semplice, suggestiva ed adatta a tutti.

Secca di Marechiaro dive site

Secca di Marechiaro

Secca di Marechiaro

Secca di Marechiaro

Beginner divers
Boat dive
Dive depth: 6 - 20m
Visibility: 10 - 20m, average visibility is 15m
Current: slight
Water temperature: 14 - 26℃
Dive type: Ambience and Wreck
Siamo nei pressi della falesia di Marechiaro alle pendici della collina di Posillipo, che rappresenta l’ultimo lembo visibile di un’antica cintura calderica, l’ignimbrite campana, formatasi circa 12.000 anni fa con l’eruzione del Tufo Giallo Napoletano.
L’area dell’immersione è situata tra il Parco della Gaiola ed il sito di Pietra salata.
Dalla scogliera emersa di Marechiaro si inabissano una serie di promontori che, seguendo la direttiva sud, finiscono su un fondale sabbioso a – 26 metri.

I sommi di tali promontori variano dai -8 ai – 10 metri. Il sito è caratterizzato dalla presenza di bellissime foreste di gorgonie gialle e bianche. Banchi di saraghi di taglia sono frequentatori assidui così come branzini e ricciole di piccola taglia. Grandi polpi si nascondono nei numerosi spacchi, ed una grande quantità di cozze, mitilis galloprovincialis, contribuisce a rendere chiare le acque della zona dando senso al nome Marechiaro. Immersione facile e gratificante per la varietà del fondale.

Immersione secca del giardino degli spirografi dive site

Immersione secca del giardino degli spirografi

Immersione secca del giardino degli spirografi

Immersione secca del giardino degli spirografi

Beginner divers
Boat dive
Dive depth: 5 - 15m
Visibility: 5 - 15m, average visibility is 10m
Current: slight
Water temperature: 14 - 26℃
Dive type: Ambience and Exploratory
L’area d’immersione è posta a circa 400 metri dalla costa prospiciente il vulcano Solfatara e presenta una profondità che varia da – 9 metri a – 15 metri.
Il sito è un grande banco di arenaria che funge da supporto a migliaia di spirografi del tipo sabella spallanzani, e vede la presenza di molti cerianthus e, attaccati agli spirografi, tanti cavallucci marini, tra i quali anche l’Hippocampus guttulatus, dal caratteristico colore giallo.
La secca è detta degli spirografi per la grande presenza di queste forme viventi dal corpo cilindrico-vermiforme che vivono inseriti in un tubo chitinoso, molle e flessibile di colorazione grigio-marrone fissato al substrato (sabbia, rocce, fango, etc).
Caratteristica la loro corona branchiale fatta di tentacoli disposti a spirale (simile ad un pennacchio) che fuoriesce dall’estremità anteriore.

Capri, parete di Punta dell'Arcera dive site

Capri, parete di Punta dell'Arcera

Capri, parete di Punta dell'Arcera

Capri, parete di Punta dell'Arcera

Experienced/advance divers
Boat dive
Dive depth: 10 - 40m
Visibility: 15 - 20m, average visibility is 15m
Current: slight
Water temperature: 14 - 26℃
Dive type: Ambience, Deep and Wall
Sul lato ovest della bellissima isola, a poca distanza dalla famosa grotta azzurra, vi è un parete che scende in un’acqua che definire cristallina è poco! L’immersione comincia con una sella a circa 12 metri che discende in un profondo canalone sul cui crinale, a circa 23 metri, comincia una foresta di Paramuricee del genere Clavata, branchi di carangidi incuriositi seguono i sub e, con faccia tosta, di pongono quasi in posa per farsi riprendere dalle video e fotocamere dei sub. L’immersione è di quelle davvero emozionanti che restano negli occhi e nel cuore del sub appassionato. Massima profondità 42 metri, ma, la parete scende, scende, scende!

Secca della Cavallara dive site

Secca della Cavallara

Secca della Cavallara

Secca della Cavallara

Beginner divers
Boat dive
Dive depth: 10 - 20m
Visibility: 10 - 20m
Current: none - slight
Water temperature: 14 - 26℃
Dive type: Exploratory
A sud del promontorio di Posillipo, appena fuori dall’are dell’ AMP della Gaiola, il fondale, si innalza formando un pianoro che termina con una parete a cigliata che da un top a -11 metri finisce a -28 metri.
La parete è lunghissima, circa trecento metri, e si presenta molto frastagliata con un andamento da est–ovest e nord-ovest.
All’esterno della parete, a sud, si trova un grande faraglione a forma di stivale d’indubbia bellezza, ricoperto di margherite di mare, Parazooanthus Axinella e con enormi gorgonie Leptogorgia Sarmentosa, grandi oltre i 170 centimetri.
La parete è un susseguirsi di incontri : aragoste, pesce di passo e nudibranchi sono la particolarità. Il sito è caratterizzato dalla presenza di un relitto di una meda, poggiato sul fondo, è oggetto di foto divertenti da parte di sub che si fanno ritrarre dentro tale struttura di acciaio.
Sul top della secca vi sono innumerevoli pinnacoli e gorgonie e l’acqua è quasi sempre limpida.

Capo miseno, scoglio del cannone dive site

Capo miseno, scoglio del cannone

Capo miseno, scoglio del cannone

Capo miseno, scoglio del cannone

Beginner divers
Boat dive
Dive depth: 0 - 22m
Visibility: 10 - 20m, average visibility is 15m
Current: slight - moderate
Water temperature: 14 - 26℃
Dive type: Ambience and Wreck
L’area d’immersione è a sul Capo di Miseno, che prende il nome dal nocchiero di Enea.
Il sito è un’antica postazione militare antiaerea della seconda guerra mondiale ed in passato fu anche uno strategico avamposto borbonico.
Questo sito conserva sui suoi fondali i resti delle due giranti della contraerea posta sul sommo dello scoglio detto “ Del Cannone” fatte esplodere alla fine della II guerra mondiale. Ora giacciono sommerse l’una a circa 12 – 15 metri proprio davanti allo scoglio e l’altra a -6 metri nell’istmo che separa l’isolotto del cannone dal capo.
Il luogo ben si presta anche per immersioni notturne dove, in sicurezza, è possibile fare immersioni su fondale chiuso e al riparo di eventuali imbarcazioni.
Caratterizzato da una interessante fauna, il sito presenta una caduta di massi che ne caratterizza l’habitat e che ben si adatta come tane di grandi saraghi e spigole presenti in queste acque.

Secca del canyon della Badessa dive site

Secca del canyon della Badessa

Secca del canyon della Badessa

Secca del canyon della Badessa

Experienced/advance divers
Boat dive
Dive depth: 16 - 33m
Visibility: 10 - 20m, average visibility is 15m
Current: slight
Water temperature: 14 - 26℃
Dive type: Ambience, Archeology and Reef
Siamo nella cala della Badessa da cui prende il nome il sito.
Si tratta di un enorme mammellone che sul top, sito a –16 metri, è attraversato, verso sud, da un grande canyon che termina alla pendici del mammellone stesso.

Intorno al grande edificio vi sono una serie di piccole pareti e massi, sulla zona est, dopo una breve piana di sabbia, su un fondo posto a -32 metri, vi sono una serie di piccole conformazioni rocciose a scalino e parete tra le quali si possono osservare resti di anfore romane, probabilmente residui di naufragio o di carico caduto in mare durante un fortunale.
Ai piedi del canyon e sulla parete ovest non è difficile scorgere enormi polpi e notare immancabili rami di Leptogorgia che ricoprono le pareti ed il letto del canyon.
Cernie si affacciano sotto i massi esterni e banchi di pesce si trattengono, alternativamente, sul lato ovest o sud.
Sulle pareti la presenza di nudibranchi e negli spacchi del canyon non è difficile trovare grossi gronchi.

Secca del Rummolo dive site

Secca del Rummolo

Secca del Rummolo

Secca del Rummolo

Experienced/advance divers
Boat dive
Dive depth: 10 - 20m
Visibility: 10 - 20m
Current: moderate
Water temperature: 14 - 26℃
Dive type: Ambience, Drift and Exploratory
La secca è sita tra l’isola di Procida ed il porto di Ischia. L’area si caratterizza per la presenza di grandi corpi rocciosi che con cappello a -9 metri e -12 metri, finiscono sulla sabbia a – 24 metri e – 35 metri. La fauna presente in questo sito vede la presenza di grosse pinna nobilis, e non è difficile imbattersi in grandi branchi di sparidi e cernie. La presenza di natanti e navi traghetto rendono l’immersione alquanto difficoltosa, pertanto è preferibile optare per tuffi invernali o autunnali in tale sito. Poco distante passano i cavi dei servizi telefonici e della distribuzione della corrente per Ischia.

Banco di Santa Croce, Vico Equense dive site

Banco di Santa Croce, Vico Equense

Banco di Santa Croce, Vico Equense

Banco di Santa Croce, Vico Equense

Experienced/advance divers
Boat dive
Dive depth: 20 - 40m
Visibility: 15 - 30m, average visibility is 15m
Current: none - slight
Water temperature: 14 - 26℃
Dive type: Ambience, Cave and Deep
Prossimo al lido Bikini di Vico Equense, vi è il sito della Secca del Banco di Santa Croce, detta anche del Bikini. Si tratta di tre corpi rocciosi di diversa conformazione, la secca di fuori, il banco dei tre sommi e la secca della grotta. Il sito è quello con la più alta densità di biomassa del Mediterraneo. Grandi gorgonie rosse, Gerardia Savaglia, grandi cernie che in branchi di 7/8 esemplari accompagnano i subacquei in immersione, una moltitudine di sparidi di ogni genere e barracuda senza alcun timore, attendono i sub appena scesi in acqua con l’intenzione di rimediare qualche boccone, anche se oramai i sub hanno, finalmente, capito che portare da mangiare ai pesci è contro logica naturale. Per la indubbia bellezza del sito sommerso, si raccomanda di non dimenticare foto e videocamere, potreste pentirvene! l’immersione si propone in full day con doppia immersione e pranzo a bordo.

Nisida, secca dell'ancora dive site

Nisida, secca dell'ancora

Nisida, secca dell'ancora

Nisida, secca dell'ancora

Beginner divers
Boat dive
Dive depth: 14 - 22m
Visibility: 10 - 20m, average visibility is 15m
Current: slight
Water temperature: 14 - 26℃
Dive type: Ambience and Exploratory
Siamo nei pressi di Porto Paone, isola di Nisida.
La grande falesia si tuffa verso sud/ovest e si immerge per circa 10 metri, per poi continuare, in una franata di massi, sino a diventare una serie di quattro pareti a promontorio che si diramano “a zampa di gallina” verso ovest e che finiscono poi su una distesa sabbiosa.

A nord dell’ultima parete troviamo una grande formazione rocciosa monolitica perfettamente spaccata a metà. Tale spacco forma due pareti ricoperte di gorgonie gialle ” eunicella cavolini”. Particolarmente emozionante è attraversare lo spacco scorgendo tra le gorgonie una grande ancora, stile ammiragliato, rimasta ivi incastrata.

tutte le altre e pareti del sito sono ricoperti di gorgonie gialle e bianche, “eunicella stricta” e rami di Leptogorgia Sarmentosa e, letteralmente, tappezzate di parazooantus axinella dette anche ” margherite di mare “.

Aragoste, branchi di saraghi, cefali, spigole e gli immancabili banchi di alici e castagnole, colonizzano i canyon e le pareti, rendendo l’immersione davvero gradevole. Per le caratteristiche del sito si consiglia un’immersione notturna durante la quale si potranno ammirare le bellissime “alicia mirabiliis” dalla lunga chioma e tante altre creature notturne presenti numerose in queste acque.

Punta Solchiaro, Procida dive site

Punta Solchiaro, Procida

Punta Solchiaro, Procida

Punta Solchiaro, Procida

Experienced/advance divers
Boat dive
Dive depth: 10 - 50m
Visibility: 10 - 20m, average visibility is 15m
Current: slight
Water temperature: 14 - 26℃
Dive type: Deep, Exploratory and Wall
Ci troviamo a sud /ovest di Procida, alla punta estrema della baia della Chiaiolella e di fronte all’isolotto di Vivara. Punta Solchiaro è un promontorio che si inabissa dolcemente in acqua, nei primi metri vi è una caduta di massi e, poi, due salti il primo a -12 ,metri ed il secondo a -25 metri, per poi scendere in parete sino a -50 metri.
L’immersione si svolge su una splendida frana con massi che costituiscono la classica tana di cernia. Nella zona subito adiacente alla punta e proseguendo verso sud, a circa -40 metri, si notano vecchie carcasse d’auto e moto oltre ad altri rottami caduti già dalla montagna anni addietro, poiché la stessa era oggetto di scarico di pattume.A -38 metri ci s’imbatte in un ramo di Gerardia Savaglia (falso corallo nero), contornato da vari rami di Eunicella Cavolini e Paramuricea Clavata, ma tutta l’immersione è caratterizzata da incontri con polpi, scorfani, saraghi, ricciole, pesci San Pietro, oltre a varie specie di stelle marine e ricci. La si può quasi considerare un’immersione in mare aperto, dato che il fondale, ad alcune decine di metri dalla punta, si inabissa rapidamente.

Capri, il traliccio di punta carena dive site

Capri, il traliccio di punta carena

Capri, il traliccio di punta carena

Capri, il traliccio di punta carena

Experienced/advance divers
Boat dive
Dive depth: 35 - 60m
Visibility: 10 - 20m, average visibility is 15m
Current: slight
Water temperature: 14 - 26℃
Dive type: Ambience, Deep and Wreck
Circa cinquant’anni fa a causa di una forte tempesta che s’imbatté sull’isola di Capri, un grosso traliccio di alta tensione posto in prossimità del faro di punta carena, venne sradicato dal forte vento e precipitò in mare. Qui la forza del mare lo trascinò lungo la ripida parete rocciosa sommersa sino ad un punto in cui la roccia termina, a circa 58 metri, sulla sabbia che declina dolcemente verso il fondo. Sulle traverse e montanti del traliccio si è creata una colonia di paramuricee del genere clavata e spugne incrostanti gialle. L’immersione è impegnativa per la presenza di correnti e la profondità 45/58 mt.

Nisida - Mammelloni dive site

Nisida - Mammelloni

Nisida - Mammelloni

Nisida - Mammelloni

Beginner divers
Boat dive
Dive depth: 15 - 26m
Visibility: 10 - 20m, average visibility is 15m
Current: slight
Water temperature: 14 - 26℃
Dive type: Ambience and Exploratory
Nisida, la più piccola delle isole campane, collegata alla terra da una piccola strada, è caratterizzata da ricchi fondali. La secca detta dei mammelloni è sita appena fuori il grande banco di Nisida ed è antistante il porto naturale di Nisida, detto porto Paone.

I mammelloni, il cui termine fu coniato dall’esploratore e naturalista francese Jean Baptiste Bory de Saint-Vincent, sono una formazione rocciosa creata dall’eruzione di magma relativamente denso attraverso uno stretto camino sito in un letto di roccia.

Lo scorrimento di magma da successive eruzioni forma altri strati sopra i precedenti, e il risultato di questo impilamento si strati può superare anche i 100 metri sopra il livello della superficie circostante.
In queste acque troviamo una formazione di due mammelloni molto grandi, top a -14 e fondo a -28, che ricoperti di gorgonie gialle e bianche, ben si prestano alla fotografia subacquea.

Rivestiti di parazooanthus sulle pareti buie, i mammelloni ospitano branchi di pesce stanziali, castagnole e zirri, oltre che alici, saraghi e occhiate.
Il fondo, generalmente sabbioso, ospita rami di Leptogorgia e pinne nobilis, sul lato ovest invece, il fondo precipita verso profondità vicine ai -60 metri.

Capri, Faraglioni dive site

Capri, Faraglioni

Capri, Faraglioni

Capri, Faraglioni

Beginner divers
Boat dive
Dive depth: 0 - 30m
Visibility: 10 - 20m, average visibility is 15m
Current: slight
Water temperature: 14 - 26℃
Dive type: Ambience and Exploratory
Immersione di impatto emotivo dovuto alla fama degli enormi scogli affioranti dei quali uno è attraversabile, in superficie ed in immersione. L’immersione parte dal faraglione di terra che si articola con una ripida parete sino ad un fondo sabbioso a -32. Rare paramuricee e pesce di passo. Si sconsiglia immergersi in estate per il sostenuto traffico di imbarcazioni.

Punta del Pizzaco, Procida dive site

Punta del Pizzaco, Procida

Punta del Pizzaco, Procida

Punta del Pizzaco, Procida

Experienced/advance divers
Boat dive
Dive depth: 10 - 60m
Visibility: 10 - 20m, average visibility is 15m
Current: none
Water temperature: 14 - 26℃
Dive type: Ambience, Deep and Wall
Sulla punta estrema sud/ovest della baia della Corricella troviamo una parete che viene considerata tra le più belle nel Mediterraneo. Si comincia l’immersione partendo da una piccola insenatura con fondo sabbioso, poi si inizia la discesa trovando un primo scalino a -5, poi -12 ed infine, attraverso un canalone verticale, si giunge alla profondità di circa 26 metri. Con la parete a destra iniziamo la nostra esplorazione trovandoci, a circa – 32 metri in un ingrottamento dovuto all’erosione, che ci riserva belle e gradite sorprese, infatti , nei frastagliati ingrottamenti nel tufo, rami di corallium rubrum con i polipi aperti fanno mostra di se già a – 24 metri. Scendendo sino ai 40 metri possiamo osservare bellissime gorgonie Paramuricea Clavata. La parete, scendendo verticale, sino a – 70 metri, ci riserva incontri quali: cernie, banchi di Anthias, saraghi di pezzatura, pelagici, oltre che rami di corallo in parete.

Secche di mezzo (Miseno) dive site

Secche di mezzo (Miseno)

Secche di mezzo (Miseno)

Secche di mezzo (Miseno)

Experienced/advance divers
Boat dive
Dive depth: 38 - 60m
Visibility: 10 - 20m, average visibility is 15m
Current: slight - moderate
Water temperature: 14 - 26℃
Dive type: Ambience, Big fish and Deep
Il sito detto Secca di mezzo è posto a nord ovest del banco di Miseno.
La secca ha un cappello a -38 metri, è riservata a sub esperti , advanced immersioni ed ai sub deep air o tecnici. L’area riserva molte sorprese per la presenza di pesce di passo e grandi rami di gorgonia rossa, Paramuricea Clavata, e Gerardia Savaglia.
Grandi cernie, schive e furbe, si intravedono per poi sparire sotto i grandi massi.
Non difficile poi incontrare esemplari di Gattuccio, il selace maculato che, quasi sempre si possono osservare in piccoli spacchi della roccia mentre dormono o digeriscono grossi bocconi di pesci e crostacei, che ingoiano interi ed, una volta digeriti, ne sputano i resti. Presenti anche aquile di mare e distese di gorgonie.

Immersione Mamutones dive site

Immersione Mamutones

Immersione Mamutones

Immersione Mamutones

Beginner divers
Boat dive
Dive depth: 12 - 24m
Visibility: 10 - 20m, average visibility is 10m
Current: slight
Water temperature: 14 - 26℃
Dive type: Ambience, Exploratory and Reef
Siamo nella Cala della Badessa, zona Posillipo.
Di fronte alla grande falesia di Posillipo ed all’isola di Nisida, guardando il pieno sud del golfo, troviamo nel mezzo della baia, un crostone che termina in una piccola falesia ed una decina di mammelloni esterni, piccoli e grandi che sono la parte residua della falesia stessa erosa. Il top è a – 11 metri ed il fondo è a 28 metri
La maestosità architettonica fa dell’immersione una delle più belle tra quelle proposte.
Il salto da 11 a 28 metri si percepisce sulla grande parete principale della falesia che è interrotta da un grande canyon ricoperto di enormi rami di Leptogorgia Sarmentosa, tappezzata da margherite di mare e spugne colorate.
L’immersione continua con il giro attraverso i mammelloni ed i canyon verso sud, per poi terminare sul top della secca. Incontri inaspettati, dal branco di calamari, al pesce di passo quali ricciole e tonnetti, banchi di alici e grosse orate, specie in notturna, aragoste e immancabile Alicia Mirabiliis, chiuse di giorno e dalla chioma alla corrente di notte.

Secca di Pentapalumbo -La cattedrale 2 dive site

Secca di Pentapalumbo -La cattedrale 2

Secca di Pentapalumbo -La cattedrale 2

Secca di Pentapalumbo -La cattedrale 2

Experienced/advance divers
Boat dive
Dive depth: 40 - 60m
Visibility: 10 - 20m, average visibility is 15m
Current: slight
Water temperature: 14 - 26℃
Dive type: Ambience, Deep and Exploratory
Questa secca che fa parte del grande banco di Pentapalumbo, ha il suo top a circa – 40 metri. Il sito si compone in un edificio a forma di fero di cavallo chiuso, con una grande parete esposta a sud sormontata da tre pinnacoli. All’esterno vi sono alcuni scogli e mammelloni nei cui spacchi si trovano enormi mostelle attive soprattutto di notte quando cacciano crostacei e piccoli pesci, mentre di giorno restano nascoste in fessure fra le rocce contendendosi lo spazio a grandi gronchi. In queste acque non è difficile poi incontrare grandi aquile di mare e grosse cernie. Sulla parete sud abbiamo la presenza di rarissimi rami di paramuricea Chamaleon, la gorgonia con le punte gialle, mentre sul top e sui pinnacoli gli altrettanto rari rami di gorgonia albina, presenti solo qui, fanno bella mostra e ben si prestano per foto e filmati. L’immersione si svolge tutta a – 42/45 metri e con un’oculata condotta si può percorrere tutta la secca, ritornando con soli ¾ minuti di deco.
Servizio : Bombola, zavorra, passaggio barca, guida.

Secca di terra (Miseno) dive site

Secca di terra (Miseno)

Secca di terra (Miseno)

Secca di terra (Miseno)

Experienced/advance divers
Boat dive
Dive depth: 40 - 70m
Visibility: 10 - 20m, average visibility is 15m
Current: slight - moderate
Water temperature: 14 - 26℃
Dive type: Ambience and Deep
Il sito detto Secca di terra è posto a nord ovest del banco di Miseno.
La secca ha un cappello a -40 metri, è riservata a sub esperti , advanced ed ai sub tecnici. Ha la forma di una grande tartaruga ed è caratteristica per la presenza di corallo nero falso, la gerardia savaglia. Grandi aquile di mare passano sui sub incuriosite per poi svanire nel blu.

Punta di San Pancrazio dive site

Punta di San Pancrazio

Punta di San Pancrazio

Punta di San Pancrazio

Beginner divers
Boat dive
Dive depth: 10 - 20m
Visibility: 10 - 20m
Current: none - slight
Water temperature: 14 - 26℃
Dive type: Ambience, Exploratory and Wall
A sud dell’isola di Ischia, dopo Cartaromana, tra il Banco d’Ischia ed il sito di Punta Sant’Angelo, entriamo nella baia di San Pancrazio. Il promontorio è un buon sito di immersione, l’articolazione della parete emersa con solchi profondi e grotti la ritroviamo, identica, sott’acqua. L’ immersione parte dall’interno della baia verso il promontorio dove ad una profondità di -9 metri / – 12 metri si scorge una parete ricca di spacchi ed ingrottamenti popolati da cernie e gronchi. La parete finisce poi la sua corsa, attraverso una caduta di massi, a – 40 metri. L’habitat di questi fondali gode di acque sempre pulite e limpidissime, frequenti sono gli incontri con pesci di taglia come saraghi, cernie, ricciole. Immersione ideale combinata in full day con Sant’ Angelo.

Secca di Terra Murata, Procida dive site

Secca di Terra Murata, Procida

Secca di Terra Murata, Procida

Secca di Terra Murata, Procida

Beginner divers
Boat dive
Dive depth: 14 - 25m
Visibility: 10 - 20m, average visibility is 15m
Current: slight
Water temperature: 14 - 26℃
Dive type: Ambience, Exploratory and Reef
A sud dell’isola di Procida, poco distante dalla grande falesia di Terra Murata, vi è un agglomerato di mammelloni e massi di notevole grandezza.

Il sommo della secca, corrispondente al mammellone più alto, è di – 11 metri e la secca ha un pianoro a – 28 nella zona che guarda sud e a – 15 nel confine della piana sabbiosa che porta a terra murata.

La secca è piccola, tanto che con acqua limpida la si vede tutta, ma molto articolata, tanto che l’immersione, in multilivello, dura sempre non meno di 35/40 minuti.

Canyon tra i mammelloni ed una varietà di specie da tana e pelagiche la caratterizzano positivamente. Gorgonacei e margherite di mare la fanno da padrona in questa piccola oasi tra le sabbie. Aragoste numerose si possono trovare sulle paretine che guardano verso l’isola, mentre gronchi di taglia stazionano nei massi ai piedi della secca.

Ischia Sant'Angelo, scoglio dell'Elefante dive site

Ischia Sant'Angelo, scoglio dell'Elefante

Ischia Sant'Angelo, scoglio dell'Elefante

Ischia Sant'Angelo, scoglio dell'Elefante

Experienced/advance divers
Boat dive
Dive depth: 0 - 45m
Visibility: 10 - 20m, average visibility is 15m
Current: none
Water temperature: 14 - 26℃
Dive type: Ambience, Deep and Wall
Ad ovest dell’isola di Ischia, vi è un isolotto collegato con un istmo alla terra : Sant’ Angelo. Il sito riserva due immersioni di grande bellezza: la parete dell’Elefante ed i pinnacoli esterni. La parete dello scoglio dell’elefante prende il nome da un formazione rocciosa il cui arco ricorda un elefante con la proboscide alzata e le orecchie ritte.
L’immersione sotto tale arco riserva emozionanti sorprese, oltre le grandi gorgonie rosse, un angolo quasi retto della parete, a -40 metri, che è ricoperto interamente di grandi rami di corallo rosso, per circa 40 mq.

Sant'Angelo D'Ischia, la punta dive site

Sant'Angelo D'Ischia, la punta

Sant'Angelo D'Ischia, la punta

Sant'Angelo D'Ischia, la punta

Experienced/advance divers
Boat dive
Dive depth: 20 - 45m
Visibility: 15 - 30m, average visibility is 20m
Current: none - slight
Water temperature: 14 - 26℃
Dive type: Ambience, Deep and Exploratory
Siamo nella piccola baia che guarda sud della Punta di Sant’Angelo D’Ischia. L’immersione sul lato esterno, a sud/ovest, parte da una serie di canaloni che menano verso sud degradando a salti di -5, -9, -12/18 sino a 40 metri dove incontriamo dei pinnacoli posti a -38/43 metri sui quali vi sono, in abbondanza, rami di falso corallo nero “Gerardia Savaglia”. Di ritorno dalla parte più fonda, si visitano i canyon vicini la parete della punta che riservano sempre incontri con cernie fuori tana e pesce di passo. Comoda e sicura la eventuale deco in parete a 5/10 metri, da non mancare!

Banco Pampano dive site

Banco Pampano

Banco Pampano

Banco Pampano

Professional divers
Boat dive
Dive depth: 90 - 120m
Visibility: 10 - 20m
Current: moderate
Water temperature: 14 - 26℃
Dive type: Ambience, Deep and Exploratory
Il Banco Pampano è situato nel golfo di Pozzuoli a circa 6 miglia da capo Miseno, tra il Banco di Nisida ed il Banco di Penta Palumbo. Il sito per le sue caratteristiche è un’area ad esclusivo utilizzo di sub tecnici. Da luglio ad ottobre (ma questo dato varia di anno in anno), è facile vedere in queste acque il passaggio di tonni, che entrano al seguito di branchi di pesce azzurro. Caratterizzato da una grande guglia di origine vulcanica che proviene dal fondo abissale, il sito sale sino a – 90 metri. Particolare è la presenza di grossi rami di corallo fossile. L’immersione, anche per la profondità del sito, è da considerare un’immersione molto impegnativa, ed è indicata pertanto per sub espertissimi che utilizzano solo miscele. Top a -95 fondo 150.

Pentapalumbo - est dive site

Pentapalumbo - est

Pentapalumbo - est

Pentapalumbo - est

Professional divers
Boat dive
Dive depth: 45 - 70m
Visibility: 10 - 20m, average visibility is 15m
Current: none - moderate
Water temperature: 14 - 26℃
Dive type: Ambience, Deep and Exploratory
L’immersione permette di vedere da vicino quel che resta di un antico edificio vulcanico in tufo grigio. Esso si compone di un grande crostone dal quali si erge un pinnacolo ed alcuni scogli sparsi che hanno la caratteristica di essere ricoperti di grandi spugne gialle incrostanti del tipo a “ manina ” .
La caratteristica principale del sito è la presenza di un enorme ramo di vero corallo nero “Antipathella sub pinnata” vera attrazione dei fotosub. Le acque che sono di una trasparenza tale da permettere una perfetta visibilità fino a circa 50 metri. E durante la discesa branchi di aquile di mare si avvicinano incuriosite ai sub.

Capri, salto di Tiberio dive site

Capri, salto di Tiberio

Capri, salto di Tiberio

Capri, salto di Tiberio

Experienced/advance divers
Boat dive
Dive depth: 0 - 30m
Visibility: 10 - 20m
Current: none - slight
Water temperature: 14 - 26℃
Dive type: Ambience and Exploratory
Siamo nel lato est dell’isola che guarda la penisola Sorrentina, la parete denominata appunto salto di Tiberio, si inabissa sino alla profondità di circa 34 metri. Su essa prosperano Paramuricee e gorgonie gialle, è patria indiscussa delle murene, durante i nostri accessi ne abbiamo contate anche 5/6 per metro quadrato! Acqua molto chiara ne rende piacevole e sicura l’immersione, raccomandato l’uso di fotocamere e video.

Pentapalumbo - Secca di fuori dive site

Pentapalumbo - Secca di fuori

Pentapalumbo - Secca di fuori

Pentapalumbo - Secca di fuori

Experienced/advance divers
Boat dive
Dive depth: 40 - 60m
Visibility: 10 - 20m, average visibility is 15m
Current: slight - moderate
Water temperature: 14 - 26℃
Dive type: Ambience and Deep
La secca è ciò che resta di un antico edificio vulcanico.
Rami di paramuricea clavata ricoprono pinnacoli.
Altre bellezze d’ammirare sono le paramuricee con alcionari parassiti.
La fauna locale vede prevalentemente la presenza di grossi gronchi e calamari di pezzatura non comune, che generalmente sono visibili a circa – 45 metri.
Altra caratteristica di queste acque è la loro limpidezza che permettono visibilità notevoli, caratteristiche queste che danno una grande sensazione di sicurezza e permettono, pur considerando la profondità, di vedere tutta la secca nella sua estensione. Profondità massima -65, cappello a -42.

Secca di Forio dive site

Secca di Forio

Secca di Forio

Secca di Forio

Experienced/advance divers
Boat dive
Dive depth: 30 - 50m
Visibility: 20 - 20m, average visibility is 20m
Current: none - slight
Water temperature: 14 - 26℃
Dive type: Ambience and Exploratory
Qui il fondo risale sino a -35mt da profondità abissali. Posta circa 3 miglia fuori Forio d’Ischia è un’immersione che prevede un uscita di full day data la distanza. Sul cappello si possono incontrare specie di passo come ricciole, tonni e stanziale come aquile di mare, gattucci, gronchi e cerne. L’acqua sempre limpida offre spunti ottimi per la video e foto sub. Profondità dai 35 a 55 limite, poi scende ulteriormente.

Banco di Nisida dive site

Banco di Nisida

Banco di Nisida

Banco di Nisida

Professional divers
Boat dive
Dive depth: 45 - 70m
Visibility: 10 - 20m, average visibility is 10m
Current: moderate
Water temperature: 14 - 26℃
Dive type: Ambience and Deep
Al largo di Nisida, tra la Secca della Cavallara e la Secca dei Mammelloni di Nisida, troviamo l’area del Banco di Nisida, una grande formazione di origine vulcanica il cui top è posto a – 60 metri.

L’immersione permette di esplorare un fondale che presenta enormi scogli sparsi.
L’immersione, anche per la profondità del sito, è da considerare un’immersione impegnativa, ed è indicata pertanto per sub espertissimi e per la didattica e l’uso di miscele tecniche. Top – 60